Ferie a Merano e dintorni
Hotel escursionisti Hotel per ciclisti Hotel benessere Hotel motociclisti Hotel per famiglie Hotel per sciatori DE
Hotel per escursionisti Hotel per ciclisti Hotel benessere Hotel per motociclisti Hotel per famiglie Hotel per sciatori Scoprite le offerte vacanza
a Merano e dintorni
Alloggi:
 

Newsletter

Nome
E-Mail

Previsioni meteo

19.08
20.08
21.08

VIVOMeranoeDintorni Vi da informazioni sull'area vacanze Merano e dintorni.

Editoria | Cookie

Part. IVA IT02365710215

> > > Altare di Schnatterpeck

L'altare di Schnatterpeck a Lana

Altare di Schnatterpeck a LanaSituato nei dintorni di Merano, Lana è il maggiore produttore di mele dell'Alto Adige, ma vanta anche un ricco patrimonio culturale: ad esempio il famoso altare di Schnatterpeck è una delle più importanti opere del tardo gotico altoatesino.

Questo sontuoso altare dorato a portelle è noto ben oltre i confini dell'Alto Adige. Venne realizzato in 8 anni di lavoro, tra il 1503 e il 1511, dallo scultore svevo Hans Schnatterpeck e dai suoi allievi. Hans Schnatterpeck, originario di Landsberg am Lech, era pittore oltre che proprietario della bottega meranese più rinomata del tempo. Solo così, d'altronde, si può spiegare un incarico di così straordinaria portata per l'epoca, tanto più che quello di Lana è passato alla storia come il più costoso trittico in stile gotico di tutto il Tirolo.

L'altare conservato nella chiesa parrocchiale di Lana di Sotto è tra l'altro l'unico che possa essere attribuito con certezza alla bottega dell'artista. Con i suoi 14 m di altezza e 7 m di larghezza, si tratta dell'altare a portelle più grande di tutta l'area alpina. Particolarmente costoso si rivelò naturalmente anche il rivestimento in oro della struttura.
Costruita in legno di castagno, questa opera straordinaria rappresenta con l'ausilio di 64 statue diversi episodi tratti dalla Bibbia. Al centro dell'altare si trova una rara rappresentazione del Trono della Grazia, con Dio Padre che regge sulle ginocchia la salma di Cristo. Di fianco, gli apostoli Pietro e Paolo. Alcune delle 35 figure mobili sono alte fino ad 1,80 m. Poiché la maggior parte della popolazione dell'epoca non sapeva né leggere né scrivere, una rappresentazione plastica dei racconti della Bibbia poteva rivelarsi estremamente utile.

Le spese per la costruzione del grande altare a portelle vennero sostenute dalla popolazione stessa: i circa 800 abitanti di Lana lo pagarono con 1600 fiorini renani e otto carichi di vino, per assicurarsi che l'ordine venisse accettato. Per comprendere l'entità dello sforzo economico compiuto dai locali, basti pensare che con questa somma si sarebbero potute comprare 3 fattorie. Una volta ultimato, l'altare a portelle è sempre stato custodito nella chiesa, da dove non è mai stato rimosso nel corso dei secoli, nemmeno in tempo di guerra.

Durante il periodo di Quaresima, tra il Mercoledì delle Ceneri e la Domenica di Pasqua, l'altare viene chiuso: in questo modo è possibile ammirare i dipinti della Passione raffigurati sulle portelle esterne.

Ulteriori articoli interessanti:

Foto: MGM/Frieder Blickle

Aziende top Merano e dintorni

Ansitz Helmsdorf ****
Lana

Hotel Wiesenhof ****
San Leonardo in Passiria
Hotel Grissianer Hof ***
Tisana

Ci trovate su:

Sitemap

Contatto

Il noto altare di Schnatterpeck venne realizzato a Lana in otto anni, all'inizio del XVI secolo.